Domenica 23 Febbraio a Foiano è andata in scena la prima edizione della CorRe Giocondo, gara organizzata dagli amici della Podistica Avis. E quale poteva essere il requisito per partecipare alla corsa nella cittadina che ospita uno dei Carnevali più famosi d’Italia? Naturalmente correre…mascherati!

Da un po’ di tempo alcuni soci dell’Atletica Sinalunga avevano deciso di partecipare cercando di pensare ad un travestimento di gruppo per poter far parte della speciale classifica…pensa e ripensa alla fine ecco l’idea…perché non vestirsi da cannibali? Parte così il tam-tam via e-mail ed una grande adesione: siamo 18 + l’eploratore!

Nell’ultima settimana fervono i preparativi, c’è da acquistare tutto il materiale e poi appuntamento alla mattina della gara: gli atleti per una volta, messi da parte canotta gialla e cronometro, sembrano tante formichine all’opera: chi scorcia i gonnellini, chi si mette collane, orecchini e braccialetti, chi aiuta gli altri a tingersi la faccia di nero, chi sistema parrucche e ossi sopra la testa. Ci siamo, manca ormai poco alla partenza e l’esercito di cannibali, armato di lance, si dirige in una lenta processione verso la piazza del paese. Il suono del bongo scandisce la marcia dell’eploratrice legata al palo verso il patibolo e la gente guarda con gli occhi stralunati la scena: nessuno ci riconosce vestiti in quel modo.

I nostri indigeni sfilano davanti al tavolo della giuria che ha il compito di decretare le maschere migliori e poi si mettono in posa per le foto ricordo. E’ l’ora