Sergio,come Amico, Runner (spero di poterlo riessere), nonché infine Medico dell’ Atletica Sinalunga, a cui ho l’onore ed il piacere di essere iscritto, mi permetto di inviarti alcuni consigli che, se lo riterrai opportuno e magari integrandoli con la tua grande esperienza, potrai inoltrare agli Amici Runners; sono “pensati” sia con la cultura di Sanitario che con il buon senso.
L’unica terapia (ce ne sono alcune sperimentali di presumibile ma ancora assicurata efficacia compreso un probabile vaccino) considerata efficace per combattere e battere l’infezione da COVID-19 è arrestare il “contagio” e quindi la “diffusione” della malattia.
Il contagio si può ridurre ed arrestare limitando al massimo i contatti “sociali”, e quando questi sono necessari comportandosi secondo le norme che ci sono state illustrate e raccomandate.
E’ un sacrificio, specie per chi, come Noi Runner, fanno della “socialità” uno stile di vita, ma necessario!
Consiglio pertanto a Tutti di rispettare lo stile di vita raccomandato dalla Presidenza del Consiglio che tiene conto delle evidenze dei più esperti Virologi Italiani ed Internazionali: stiamo a casa!
Questo non significa “non allenarsi”.
Sapete bene (Sergio da esperto lo può confermare o smentire) che l’allenamento non è e non dovrebbe essere solo “correre”.
Allenamento è innanzitutto il “riposo” alternato all’attività fisica, sono gli esercizi di “potenziamento muscolare” che sono importantissimi sia per la resa della performance che per ridurre gli infortuni, per i cultori della corsa anche le sedute di “tecnica” della corsa (corsa calciata etc.).
Quindi se potete rimanete in casa, non correre per 2-3 settimane non comporta nulla sul piano della resa, soprattutto per Noi Amatori.
Sfruttate questo periodo per recuperare con il riposo, effettuate esercizi di potenziamento (basta andare su siti specifici ve ne sono a bizzeffe, magari Sergio può proporre qualcosa), di tecnica, di stretching, serviranno per quando potrete riprendere la regolare attività.
Vedrete che dopo andrete “più forte”.
Vi racconto la mia personale esperienza, che non ha la presunzione di essere un esempio.
Io non posso correre ormai da anni, ma mi sono organizzato con la frequenza in Palestra, dove svolgo attività aerobica e di potenziamento.
Dato che ora le Palestre sono chiuse, mi sono attrezzato a casa, nel garage: una panca con bilanciere e pesi di varia importanza (ma si può fare anche con misure artigianali senza spesa), la Bike sui rulli, la palla per gli addominali, il tappetino per gli esercizi a terra e lo stretching.
Pe 5-6 giorni alla settimana 1 ora e 30 minuti di bike, esercizi di potenziamento per i vari distretti muscolari (li trovate sui siti specifici in internet) in particolare per la corsa, addominali compresi sempre ad ogni seduta, stretching.
Un allenamento così può essere una valida alternativa per rimanere a casa ed in forma, aspettando, in sicurezza, il momento in cui potrete “correre” fuori.
Sergio ti propongo di “confezionare” delle sedute di allenamento a casa, in base alla Sua esperienza, divulgandole sul Nostro sito.
Poi spetta al “buon senso”!
Come ha detto Einstein nel ’29 (dal film inviato da Gianni): la crisi porta a progressi! Stimola l’invettiva e le strategie!
Un caro saluto
Franco (ex Velocifero)